Le fibre tessili

La pelle che nasce dal vino

È mentre raccontiamo di eleganza, moda, cultura, stile e buon gusto; del mondo visto con gli occhi di un moderno“gentleman” con un atteggiamento di responsabilità verso l’ambiente, che ci imbattiamo nella wineleather di Vegea. Una pelle eco sostenibile ricavata dal vino o meglio dal trattamento delle fibre e degli oli contenuti nella vinaccia. Un tessuto ecologico, resistente, ideato e fatto in Italia, premiato nel 2017 al Parlamento Europeo al Parlamento Europeo di Bruxelles come una delle cinquanta migliori idee d’impresa del nuovo millennio nell’ambito della “European TOP 50 competition” e vincitore del Global Change Award di Fondazione H&M.

Come è nata l’idea del vegeatextile, il bio materiale di cui l’azienda è pioniera, lo racconta Gianpiero Tessitore, architetto, CEO e fondatore insieme al chimico industriale Francesco Merlino «Lavorando come architetto nel settore arredo ed ecodesign ho notato la mancanza di un materiale ecosostenibile alternativo alla pelle animale e sintetica. L’obiettivo era quello di realizzare un materiale che fosse a base vegetale e che derivasse da scarti di produzione agroindustriali, sviluppando così un modello di economia circolare basato sulla valorizzazione di materiali di scarto ai quali dare un nuovo valore aggiunto. Ho iniziato nel 2014 la collaborazione con Università e centri di ricerca specializzati ed ora abbiamo dei nostri laboratori a Milano. Da subito i test sono stati fatti sui vari scarti dell’agroindustria, e la vinaccia, ricavata dalla produzione del vino, è risultata essere la materia prima ideale per la creazione di tessuti tecnici, in quanto contiene specifici oli e cellulosa.»

About Me

Stilista di moda e Maestro Artigiano ,

 

 

Join my mailing list
  • White Facebook Icon

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com